comunas  ›  comuni sardi  ›  provincia di nuoro  ›  orotelli  ›  cultura  ›  storia

Storia

storia
Il territorio di Orotelli fu abitato fin dalla preistoria, come testimoniano i numerosi nuraghi e le tombe dei giganti rinvenuti nella zona.
Non molto distante dalla chiesa di San Pietro esistono le abbondanti sorgenti di acqua calda solforosa dette "Sos banzos" che furono sfruttate con ottimi risultati in epoca romana e di cui sono testimonianza alcuni ruderi risalenti, pare, al II secolo d.C.

In particolare, proprio presso la chiesetta di San Pietro, nel sito denominato "Thidorrai", fu trovata una moneta raffigurante M.G. Filippo, detto l'arabo, imperatore Romano dal 244 al 249 d.C.
È importante il fatto che Olliri (Oddini) risultasse ancora abitato nel 1388, come si deduce dall'atto di pace fra Eleonora d'Arborea e Giovanni d'Aragona, in cui compare accanto a "Oroteddi".

Esistono diverse etimologie possibili sulla parola Orotelli: in fenicio significa sito protetto, in greco significa monte, altura, in latino "auri tellus" ossia terra d'oro, gradualmente modificatosi in Oritellus, poi Oritelli e infine Orotelli.

Fece parte della provincia di Sassari fino al 1926 quando fu costituita la provincia di Nuoro, a cui appartiene tutt'ora.

Tradizioni
Ogni anno si ripete ad Orotelli la tradizionale festa carnevalesca detta Sos thurpos. Il travestimento dei Thurpos di Orotelli, maschera tra le più importanti della tradizione contadina, potrebbe apparire il meno suggestivo fra tutti i carnevali della Barbagia poichè manca la maschera lignea, l'elemento più conosciuto.
Sos thurpos sono i ciechi che escono avvolti in "su gabbanu", pesante cappotto fatto di lana sarda, con un cappuccio calato sul viso annerito con fuliggine e un fardello di campanacci legati alla vita.
Escono in coppia, appaiati come un giogo di buoi, legati da una fune tenuta da un terzo thurpu- contadino che cerca di governarli. Mimano il comportamento dei buoi e ripropongono l'antico rituale di propiziazione della lotta del contadino-bue contro gli elementi della natura.
Si tratta di una rappresentazione della cattura, "sa tenta", del prigioniero che verrà poi costretto a offrire da bere a tutti.

Territorio
Orotelli è un comune del centro della Sardegna che sorge in una regione prevalentemente granitica e rupestre a circa 406 metri sul livello del mare.
Spesso dalle sue terre si ergono imponenti agglomerati granitici, che danno al paesaggio un aspetto insolito.

Economia
L'economia del paese è legata principalmente all'agricoltura ed all'allevamento.
Il territorio è povero d'acqua, coltivato perlopiù a cereali, soprattutto a grano. La coltura della vite e dell'ulivo è scarsamente praticata.