comunas  ›  comuni sardi  ›  provincia del medio campidano  ›  villacidro  ›  musei  ›  villacidro, museo civico archeologico...

Villacidro, Museo Civico Archeologico Villa Leni

Villacidro, Museo Civico Archeologico Villa Leni, da Sardegna Foto Aeree
Mappa di Villacidro
Informazioni
Indirizzo: piazza Zampillo, 1 - 09039 Villacidro
Tel. +39 070 93442215
Ente titolare: Comune di Villacidro
Ente gestore: Comune di Villacidro
Orari:
Il museo, nell'attesa di definire orari stabili per le visite, apre esclusivamente su prenotazione telefonica, o via e-mail, da effettuarsi presso il comune di Villacidro.
Biglietto:
Intero - euro 2,00 - adulti
Ridotto - euro 1,00 - classi scolastiche e gruppi oltre 20 persone
Si consiglia di contattare anticipatamente la struttura per verificare eventuali variazioni nell'importo dei biglietti.
E-mail: pubblicaistruzione@comune.villacidro.vs.it
Sito web: www.comune.villacidro.vs.it
Facebook: it-it.facebook.com/ComuneVillacidro

Il museo
Il museo, ospitato dall'ex Monte granatico risalente alla metà del XIX secolo, espone reperti del territorio di Villacidro e dei Comuni circostanti.
L'esposizione è corredata da una ricca serie di pannelli didattici, dalla carta del territorio, dalla tabella cronologica e da altri due imponenti pannelli che introducono, con forte suggestione scenografica, al paesaggio archeologico del territorio di Villacidro dal Neolitico al VII sec. d.C.
Ampio spazio è dedicato ai reperti dal territorio del paese, tra cui gli strumenti in pietra di Cottega, un modellino bronzeo di nuraghe quadrilobato, il corredo tombale d'età romano-imperiale dalla necropoli ad incinerazione di Ruinas, in cui spicca un bicchiere in vetro di accurata fattura.
I ritrovamenti archeologici nei Comuni limitrofi, quali Serramanna, San Gavino, Vallermosa, Mogoro, San Nicolò Arcidano, sono illustrati spaziando dalle ceramiche decorate della cultura di Ozieri ai monili bronzei d'età tardoantica e bizantina.
Di particolare interesse il ripostiglio bronzeo di lingotti di tipo ox-hide e lame votive da S'Acqua Cotta e l'olla nuragica con ollettina miniaturistica di significato votivo dal nuraghe di Su Sonatori entrambi a Villasor.
Da Vallermosa proviene infine un modellino litico di nuraghe monotorre rinvenuto a Matzanni.

Perché è importante visitarlo
Il punto di forza del museo è un efficace sistema di comunicazione affidato a una serie di pannelli dal contenuto differenziato che, prendendo spunto da un oggetto particolare con l'ausilio di immagini, ricostruzioni, sfondi evocativi, affrontano argomenti di carattere generale e consentono di apprendere in maniera diretta grazie al passaggio intuitivo dal singolo reperto al quadro generale.

Servizi
Visite guidate.