comunas  ›  comuni sardi  ›  provincia del medio campidano  ›  ussaramanna  ›  tematiche  ›  eventi

Eventi

Eventi
La tradizione sarda si rinnova ogni anno grazie ad un calendario ricchissimo di manifestazioni.
In tutta l'Isola processioni, concerti, regate, spettacoli teatrali e mostre-mercato offrono un palcoscenico straordinario, allietando ed incantando il visitatore, lo spettatore, l'ascoltatore, dando luogo a proposte culturali che vanno incontro agli interessi più diversi.
Sant'Antonio, 17 gennaio
La festa di Sant'Antonio prevede l'intramontabile "Fogadoi". Di anno in anno, un comitato si occupa di organizzare la festa e cercare la legna. Con questa legna si fa un enorme falò che, all'imbrunire della vigilia della festa, viene benedetto dal parroco e poi acceso. Mentre il 17, giorno in cui si festeggia il Santo, c'è l'usanza della benedizione del pane che viene poi distribuito alle persone durante la celebrazione della messa.

S.Quirico, 15 luglio
Patrono del paese. La festa si svolge con la processione portando il Santo a spalle per le vie del paese. Si conclude con il canto "is coggius de Santu Cirigu" e con il tradizionale "ballu sadru".

S.Lorenzo, 9-11 agosto
Dal 5 febbraio del 1719, con una solenne cerimonia, tantissimi fedeli accompagnano il simulacro del santo dalla chiesetta medioevale di San Lorenzo, nel villaggio di Ussaredda a Ussaramanna. I festeggiamenti vengono celebrati nell'antica chiesetta campestre. In serata il simulacro viene riaccompagnato a Ussaramanna osservando sempre lo stesso rito: suono di launeddas e canto de "is cogius". Il giorno dopo la festa si sposta ad Ussaramanna con la consueta processione per le vie del paese e la celebrazione della messa. Il canto de "is cogius", accompagnato da "su ballu de cresia", viene ripetuto alla fine di ogni celebrazione eucaristica. La leggenda legata al santo narra che diverse volte gli abitanti del paese vicino, Siddi, cercarono di trafugarne la statua, ma durante il tragitto verso il paese lo stesso Santo intervenne rendendo la statua portata a spalla dai fedeli sempre più pesante man mano che si avvicinava a Siddi, fino a diventare intrasportabile; così fu abbandonata in prossimità del confine dei due paesi.